Home » Registri albi e ruoli » Registro Imprese

Registro Imprese

EMERGENZA SANITARIA COVID-19: ACCESSO AGLI SPORTELLI
Le visure camerali, le copie di atti e bilanci e gli elenchi merceologici possono essere acquistati on-line dal servizio telematico registroimprese.it.
E’ possibile scaricare gratuitamente documenti della propria azienda (visure, atti, documenti) dal cassetto digitale dell’imprenditore.
Il rilascio di certificati d'iscrizione al RI/REA, di visure camerali, di copie di atti e bilanci e di elenchi merceologici può essere effettuato anche presso gli uffici camerali esclusivamente previo appuntamento da prenotare attraverso.
La bollatura e vidimazione di libri e registri è rilasciata esclusivamente su appuntamento prenotabile attraverso l'Agenda online.
EMERGENZA SANITARIA COVID-19: SOLLECITI E RETTIFICHE
Per sollecitare l’evasione di una pratica telematica già presentata o richiedere la rettifica d'ufficio dei dati presenti in visura, è necessario utilizzare i servizi SollecitiRettifiche presenti sulla piattaforma Servizi On Line.
EMERGENZA SANITARIA COVID-19: PROROGA VALIDITA' DEI CERTIFICATI IN SCADENZA
Ai sensi dell’art. 103,  comma 2 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18 e successive modifiche e integrazioni tutti i certificati in scadenza tra il 31 gennaio 2020 e il 31 luglio 2021 (data di cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19), conservano la loro validità fino al 29 ottobre 2021. 
Il Registro Imprese è l'archivio ufficiale dove sono tenuti tutti i dati economici delle imprese del territorio provinciale. Si tratta di un registro pubblico gestito sotto la vigilanza di un Giudice Delegato dal Presidente del Tribunale capoluogo di provincia. Il suo funzionamento è assicurato dal Conservatore, un dirigente della Camera di Commercio nominato dalla Giunta Camerale, cui competono funzioni di certificazione e di controllo delle condizioni di legge.

 

Il Registro Imprese è subentrato, dal 19 febbraio 1996, nelle funzioni prima svolte dalle Cancellerie dei Tribunali e del Registro Ditte ed è previsto dall'art. 2188 C.C., istituito dall'art. 8 della legge 580/1993 e regolamentato dal D.P.R. 581/1995.