Home » Registri albi e ruoli » Registro protesti

Registro protesti

EMERGENZA SANITARIA COVID-19: ACCESSO AGLI SPORTELLI
Il servizio allo sportello del Registro Protesti è effettuato esclusivamente su appuntamento nei giorni di martedì e giovedì: scrivi a: protesti@comolecco.camcom.it

Il protesto è un atto pubblico attraverso il quale i pubblici ufficiali attestano il mancato pagamento di cambiali, tratte, assegni bancari e postali e la mancata accettazione di tratte.

I protesti vengono pubblicati mensilmente nel Registro Informatico dei Protesti levati dai Pubblici Ufficiali nel territorio di competenza.

Il Registro Informatico dei Protesti è stato istituito con Legge 480/95. Il decreto 316/2000 ha disciplinato le modalità di attuazione e la Legge 235/2000 ha attribuito a ciascuna Camera di Commercio, per il territorio di competenza, i seguenti compiti:

  • ricezione degli elenchi dei nominativi dei soggetti protestati per protesti levati dal 27º giorno del mese antecedente fino al 26° giorno del mese corrente;
  • pubblicazione nel Registro Informatico dei nominativi dei soggetti protestati nei 10 giorni successivi alla ricezione degli elenchi;
  • accettazione delle domande di cancellazione dal Registro Informatico e conseguente accoglimento (cancellazione) o rigetto delle stesse.

A cosa serveIl Registro contiene i protesti, non cancellati, per 5 anni dalla data della loro pubblicazione ed è accessibile al pubblico consultando i terminali remoti degli utenti collegati al sistema informatico della Camere di Commercio, oppure presso lo sportello preposto delle Camere di Commercio.

La consultazione può essere effettuata su scala nazionale e avviene mediante richiesta di "visura" riferita al nominativo/denominazione del soggetto protestato o di "certificato" che, a differenza della visura, contiene solo l'indicazione di "esistenza/non esistenza" protesti.

Come cancellare un protesto dal Registro Informatico

La cancellazione dei protesti dal Registro Informatico è prevista solamente nei casi in cui il debitore:

  • abbia effettuato il pagamento della cambiale/tratta entro 12 mesi dalla levata del protesto;
  • sia stato protestato illegittimamente/erroneamente;
  • abbia ottenuto dal Tribunale la Riabilitazione prevista dall'art. 17 della legge 108/1996 (per poter richiedere la Riabilitazione deve essere trascorso un anno dalla data dell'ultimo protesto).

Il protesto è cancellato automaticamente dal Registro Informatico dei Protesti decorsi 5 anni dalla sua pubblicazione.

Come si richiede

E’ possibile richiedere la:

Tali domande possono essere presentate dal soggetto protestato, dall'ufficiale levatore o dall'istituto di credito.

Per ottenere la cancellazione di un protesto dal Registro Informatico è necessario presentare domanda di cancellazione alla Camera di Commercio competente per territorio. 

L'istanza di cancellazione può essere presentata anche da persona diversa dal debitore, opportunamente delegata. Per le persone fisiche, è necessario allegare alla delega copia del documento di identità del delegante mentre per le persone giuridiche è necessario predisporre la delega su carta intestata ed allegare alla delega copia del documento di identità del delegante.

E’ altresì possibile richiedere una annotazione a rettifica di dati presenti sul Registro Informatico dei Protesti.

A chi rivolgersi

Protesti cambiari

Sede: Via G. Parini, 16 - 22100 Como | Via Tonale, 28/30 - 23900 Lecco
Orari di apertura: COVID-19: I servizi e le attività sono assicurati da remoto tramite e-mail