Home » Chi siamo » Camera di Commercio Como-Lecco » Organi istituzionali

Organi istituzionali

Gli organi istituzionali della Camera di Commercio di Como-Lecco, così come previsto dalla Legge 29 dicembre 1993 n. 580, sono: 

  • il Consiglio;
  • la Giunta; 
  • il Presidente; 
  • il Collegio dei Revisori dei Conti. 

Il Consiglio

Il Consiglio determina gli indirizzi generali dell'Ente e adotta gli atti fondamentali attribuiti dalla legge e dallo Statuto alla sua competenza, approva lo Statuto e le sue relative modifiche. 

Dura in carica cinque anni e i suoi componenti, nominati con decreto del Presidente della Regione Lombardia, sono designati dalle organizzazioni rappresentative delle imprese, dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori, dalle associazioni di tutela degli interessi dei consumatori e dai presidenti degli ordini professionali.

La Giunta

La Giunta è l’organo di governo della Camera di Commercio. Attua gli indirizzi generali espressi dal Consiglio e adotta i provvedimenti necessari per la realizzazione del programma di attività e per la gestione delle risorse.

E’ eletta dal Consiglio tra i suoi componenti e dura in carica cinque anni in coincidenza con il mandato consiliare.  

Il Presidente

Il Presidente ha la rappresentanza legale e istituzionale della Camera di commercio e ne assicura l'unitarietà di indirizzo politico. Convoca e presiede le riunioni di Consiglio e Giunta e ne determina l’ordine del giorno. 

E’ eletto dal Consiglio e dura in carica cinque anni in coincidenza con la durata del mandato del Consiglio. 

In caso di sua assenza o impedimento ne assume temporaneamente le funzioni il Vicepresidente nominato dalla Giunta tra i suoi componenti. 

Il Collegio dei Revisori dei Conti

Il Collegio dei Revisori dei Conti esercita la vigilanza sulla regolarità contabile e finanziaria della gestione dell'Ente e attesta la corrispondenza del bilancio d'esercizio alle risultanze delle scritture contabili. 

E' nominato dal Consiglio ed e' composto da tre membri effettivi e da tre membri supplenti, designati rispettivamente dal Ministro dell'Economia e delle Finanze, con funzioni di presidente, dal Ministro dello Sviluppo Economico e dal Presidente della Regione Lombardia.